Posted on / by wp_9392028 / in Home page, Sanità

La scheda: I Lea questi sconosciuti.

null
null

La scheda: I Lea questi sconosciuti.

Il mantenimento nell’erogazione dei LEA, avviene attraverso l’utilizzo di un definito set di indicatori (33 nel 2017) ripartiti tra l’attività di assistenza negli ambienti di vita e di lavoro, l’assistenza distrettuale e l’assistenza ospedaliera, raccolti in una griglia (cd. Griglia LEA) che consente di conoscere e cogliere nell’insieme le diversità ed il disomogeneo livello di erogazione dei livelli di assistenza. La selezione degli indicatori riflette da un lato la ripartizione delle risorse del Servizio Sanitario Nazionale (SSN) tra i livelli di assistenza e dall’altra le maggiori indicazioni politico-programmatorie.

La prima cosa da sapere che i dati utilizzati per monitorare i Lea vengono invitati dal Dipartimento Salute della Regione che a sua volta li riceve dalle aziende sanitarie ed ospedaliere. La genuinità dei dati condiziona enormemente la valutazione finale. Senza un adeguato ed efficiente sistema informatico, il lavoro fatto da medici ed operatori sanitari può sfuggire alla misurazione e valutazione.

A verificare gli adempimenti è Comitato Lea che partecipa ai Tavoli di monitoraggio e verifica congiunto dei ministeri dell’Economia e della Salute. Solo dal 2008 il tavolo è allargato anche i dirigenti dell’Economia (presieduto). Al Comitato è affidato il compito di “monitorare l’erogazione dei Livelli essenziali di assistenza in condizioni di appropriatezza e di efficienza nell’utilizzo delle risorse, al fine di promuovere e garantire l’effettiva erogazione e l’uniformità sul territorio”.

Nel 2017, il 12 gennaio, un decreto del presidente del consiglio dei ministro ministeriale ha modificato le prestazioni garantite con i Lea rispetto al 2016, introducendo nuovi  set di cure nel settore della prevenzione e dell’assistenza.

Ogni indicatore ha un peso di riferimento e in fase di valutazione si assegnano dei punteggi rispetto al livello raggiunto dalla regione nei confronti di standard nazionali. La somma di questi punteggi deve raggiungere il minimo accettabile di 160 punti e Calabria è sempre stato al di sotto della soglia minima.

Cosa misurano i Lea

IL monitoraggio avviene su 33 indicatori di queste aree:

a) sorveglianza, prevenzione e controllo delle malattie infettivee parassitarie, inclusi i programmi vaccinali;

b) tutela della salute e della sicurezza degli ambienti aperti  e confinati;

c) sorveglianza, prevenzione e tutela della  salute  e  sicurezza sui luoghi di lavoro;

d) salute animale e igiene urbana veterinaria;

e) sicurezza alimentare – tutela della salute dei consumatori;

f) sorveglianza e prevenzione delle malattie croniche, inclusi lapromozione di stili di  vita  sani  ed  i  programmi  organizzati  di screening; sorveglianza e prevenzione nutrizionale;

g) attivita’ medico legali per finalita’ pubbliche.

 

Articoli correlati

Lascia un commento

Captcha loading...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi