fbpx
calabriaextra
null
null

IN EVIDENZA

Sei interventi di alta chirurgia all’Annunziata

Sono stati sei gli interventi di Alta Chirurgia pediatrica neonatale effettuati, nell’ultimo trimestre nel Dipartimento Materno Infantile dell’Annunziata di Cosenza. I neonati affetti…

Leggi anche:

Il bubbone dell’Asp di Reggio

La normativa antimafia sostituita con l’autocertificazione, i “rapporti malati” tra azienda e sindacati. Gli affari di una pletora di studi legali.

Così hanno depredato l’azienda di Reggio. Ecco il dossier dell’ex Dg Brancati, 34 pagine di denunce circostanziate del malaffare che imperava da anni. Non solo doppi pagamenti di fatture e stipendi erogati a condannati per anni. Diversi dipendenti che continuavano a percepire lo stipendio nonostante condanne definitive con l’interdizione dai pubblici uffici, tra questi anche il mandante dell’omicidio Fortugno; 

Lo scontro in Senato tra l’ex commissario e il presidente Oliverio

Asp di Reggio, quando Scura disse: "l’ospedale è in queste condizioni perché è a Locri, fosse in Lombardia sarebbe stato efficiente"

Forse non serve un Consiglio dei Ministri, come annunciato dal premier Giuseppe Conte, per risolvere i problemi dell’Asp di Reggio Calabria. Occorre, invece, che la magistratura agisca celermente nei confronti di chi ha saccheggiato le casse dell’azienda; che qualcuno ingaggi persone volonterose, da inserire nei ruoli apicali, per gestire il debito pregresso, tracciando uno spartiacque tra passato e futuro.

Asp Reggio, Brancati nominato dg e lasciato solo

Il cronoprogramma presentato al Governo e non attuato per mancanza di risorse umane

L’Asp di Reggio negli anni ha rappresentato il “buco nero” della sanità calabrese, difficoltà che possono essere riassunte in tre aspetti fondamentali: il continuo succedersi di commissari straordinari, in evidente situazione precaria, senza obiettivi di medio periodo da raggiungere; una carenza delle competenze tecnico specialistiche della dirigenza del settore; una situazione ambientale oggettivamente difficile. E’ noto che le ex Asl di Locri e Reggio sono state commissariate per infiltrazioni mafiose e l’integrazione le tre ex Asl di Reggio, Locri e Palmi, soprattutto della gestione operativa non è ancora avvenuta.

Asp Reggio, le Iene e le carogne. Da decenni tutti sanno e nessuno interviene

Se è vero che le “Iene” si nutrono si di animali vivi, nel caso dell’ospedale di Locri si sono cibate di “carogne” come quei personaggi che consapevolmente e colpevolmente hanno fatto finta di non sapere. Non solo degrado ma tanto malaffare.

L’ospedale di Locri, così come la ex Asl, rappresenta l’avamposto della cattiva gestione, della cattiva politica e della zona grigia della sanità calabrese.

Una situazione drammatica, come vedremo ben nota a tutti i livelli, dove lo Stato ha fallito.

Slider

Utilizziamo i cookie per offrirti la migliore esperienza online. Accettando l'accettazione dei cookie in conformità con la nostra politica sui cookie.

Privacy Settings saved!
Impostazioni

Quando visiti un sito Web, esso può archiviare o recuperare informazioni sul tuo browser, principalmente sotto forma di cookies. Controlla qui i tuoi servizi di cookie personali.

Questi cookie sono necessari per il funzionamento del sito Web e non possono essere disattivati nei nostri sistemi.

In order to use this website we use the following technically required cookies
  • wordpress_test_cookie
  • wordpress_logged_in_
  • wordpress_sec

Per motivi di perfomance, utilizziamo Cloudflare come rete CDN. Questo salva un cookie "__cfduid" per applicare le impostazioni di sicurezza per ogni client. Questo cookie è strettamente necessario per le funzionalità di sicurezza di Cloudflare e non può essere disattivato.
  • __cfduid

Rifiuta tutti i Servizi
Accetta tutti i Servizi